Il sito raccoglie notizie, video e informazioni su  iniziative e progetti realizzati e promossi dalla Regione Emilia-Romagna
in occasione della partecipazione a Expo 2015, l’Esposizione Universale che si è svolta a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre.

L’altra eredità di Expo Milano 2015: la carta della diversità e pari opportunità

Nei giorni scorsi la Carta è stata sottoscritta dagli organismi di parità della Provincia di Piacenza. La Carta si pone l'obiettivo di promuovere la lotta contro ogni genere di discriminazioni.
L’altra eredità di Expo Milano 2015: la carta della diversità e pari opportunità

Una iniziativa a Expo Milano 2015

La Consigliera Provinciale di Parità, A Rosarita Mannina, e la Consigliera Provinciale alle Pari Opportunità, Gloria Zanardi, nei giorni scorsi hanno sottoscritto la “Carta Della Diversita’ e per Le Pari Opportunità nelle Esposizioni che Accolgono Tutti”.

Per saperne di più

Si tratta di un'iniziativa nata in occasione di  Expo Milano 2015 e che vuole essere uno dei lasciti immateriali di Expo Milano 2015 al BIE – Bureau International des Espositions, l’organismo che governa le Esposizioni Universali.

Expo Milano 2015 e i suoi Partecipanti hanno dimostrato particolare attenzione per l'inclusione e si sono impegnati in programmi e attività contro la discriminazione nella fase di organizzazione dell'Esposizione Universale, così come durante i sei mesi della manifestazione. La  Carta ha l'obiettivo di promuovere la lotta contro ogni genere di discriminazioni nelle future Esposizioni Universali (Dubai 2020) ed Internazionali (Antalya 2016; Astana 2017). Sarà consegnata al BIE dalla Presidente dello Steering Committee e Commissario Generale Albina Africano e sottoscritta da parte delle associazioni che hanno partecipato con impegno ad Expo Milano 2015.

I provvedimenti

Queste le misure concrete contro la discriminazione che la Carta propone di seguire nello svolgimento e nell'organizzazione di eventi globali: definire e attuare linee guida che, a partire dai vertici, coinvolgano tutti i livelli dell'organizzazione nel rispetto del principio di pari dignità e trattamento equo sul posto di lavoro; promuovere la valutazione, nel Dossier di Candidatura, delle iniziative contro ogni forma di discriminazione; chiedere agli organizzatori di Expo di riferire regolarmente al Comitato Esecutivo del BIE i progressi nella preparazione di un’Esposizione con un focus specifico sulla valorizzazione della diversità delle persone;  sostenere gli organizzatori di Expo nel presentare un Regolamento Speciale dell’Evento riguardante sia l'inclusione dei lavoratori sia l'accoglienza dei visitatori di solito non pienamente inclusi nella società;

Expo Milano

Expo Milano 2015 ha tra i pregi di aver incarnato l'inclusione e la lotta alla discriminazione. La partecipazione di grandi realtà internazionali della Società Civileè stata proprio la volontà dichiarata di voler costruire una Esposizione Universale aperta a tutti.
Cascina Triulza è stata la culla della Società Civile. Il 16 maggio 2015 il Commissario Unico Expo 2015 Giuseppe Sala, ha  firmato la Carta delle Pari Opportunità e l'Uguaglianza sul Lavoro.     Women for Expo è la nuova realtà delle Esposizioni universali che da ora in avanti si occuperà di promuovere le questioni riguardanti la pari dignità fra uomini e donne.Expo Milano 2015, inoltre,  ha dato spazio agli emarginati e agli ultimi. Lo ha fatto con la "Mensa dei popoli". Cento detenuti del carcere di Bollate, hanno potuto vivere un'esperienza di volontariato e di lavoro,. Lavoratori e pensionati con bassi redditi, hanno beneficiato di un ticket d'ingresso gratuito.

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/11/2015 — ultima modifica 20/11/2015
< archiviato sotto: , , , , , >

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali