Il sito raccoglie notizie, video e informazioni su  iniziative e progetti realizzati e promossi dalla Regione Emilia-Romagna
in occasione della partecipazione a Expo 2015, l’Esposizione Universale che si è svolta a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre.

L'Unesco "premia" Parma: è la prima City of Gastronomy d'Italia

Un riconoscimento assegnato a quelle città che dimostrano doti uniche nella creatività agroalimentare. Il ministro Martina: opportunità per tutto il comparto agroalimentare. Il presidente della Regione, Bonaccini: un riconoscimento per tutta l'Emilia-Romagna
L'Unesco "premia" Parma: è la prima City of Gastronomy d'Italia

La missione del sistema Parma nella sede Unesco di Parigi

Parma è stata ufficialmente proclamata dall'Unesco 'città creativa per la gastronomia'. È la prima volta che una città italiana ottiene questo prestigioso riconoscimento che l'Unesco assegna a quelle città che dimostrano doti uniche nella creatività agroalimentare.

Una vittoria di squadra

La designazione di Parma è frutto di un lavoro  collettivo di tutti gli attori del territorio, pubblici e privati. Insieme al Comune hanno lavorato per diversi mesi fianco a fianco tutte le istituzioni e le associazioni della città, con  contributo dell'associazione di cuochi “Chef to Chef” e il sostegno della Regione Emilia Romagna.

La candidatura

La candidatura della città ducale si è snodata attraverso un lungo percorso di incontri, conferenze, manifestazioni promozionali, iniziative dedicate, conferenze stampa, fino ad arrivare alla missione di sostegno a Parigini, che ha fatto toccare con mano la qualità della proposta di Parma, nel meeting promosso presso gli ambasciatori UNESCO .

Vocazione internazionale

“Questo riconoscimento – è il commento del sindaco di Parma, Federico Pizzarotti – rafforza la vocazione internazionale di Parma, e può aprire la strada ad importanti sviluppi per la nostra economia, soprattutto in campo turistico. E' anche la conferma che il futuro del territorio parmense passa in primo luogo attraverso la valorizzazione dei suoi prodotti di eccellenza e la capacità di trasformarli in cibo. Sono anche convito che, se saremo bravi, potremo utilizzare questo riconoscimento come volano per far conoscere Parma nel mondo anche come città d'arte, carica di storia, che si appresta a celebrare i suoi primi 2.200 anni di vita”.

Un premio a tutta l'Emilia-Romagna

“E’ una bella notizia, un riconoscimento che premia insieme a Parma, tutta l’Emilia-Romagna, un territorio famoso nel mondo per l’eccellenza della sua enogastronomia. Come Regione abbiamo creduto fin dall’inizio in questa candidatura e l’abbiamo sostenuta, con convinzione. Ora Parma si affianca a Bologna, città creativa per la musica, in questo importante network europeo”. Così il presidente della Regione Stefano Bonaccini ha commentato la proclamazione di Parma “città creativa della gastronomia” Unesco.

Parma ambasciatrice del made in E-R

“Parma potrà essere ora ambasciatrice nel mondo dell’agricoltura e dell’agroalimentare di tutta l’Emilia-Romagna – spiega l’assessore regionale all’agricoltura Simona Caselli – un’agricoltura che ha messo al centro la qualità dei prodotti e dei modi di produrre e un agroalimentare che compete con successo sui mercati internazionali. Proprio in questi giorni l’Emilia-Romagna ha rafforzato la sua leadership europea con l’attribuzione della 42° Dop. Ebbene moti di questi prodotti straordinari, a partire dal Parmigiano Reggiano e dal Prosciutto di Parma, portano fin nel nome il legame stretto con questo territorio”.

Il protocollo


Per sostenere la candidatura di Parma la Regione ha sottoscritto a luglio un protocollo d’intesa con il Comune, l’Anci Emilia-Romagna e l’associazione “Cheftochef Emilia-Romagna cuochi”. “Un esempio di virtuosa collaborazione istituzionale “ – sottolineano Bonaccini e Caselli – che dimostra ancora una volta come sia importante lavorare insieme per il bene di un’intera comunità”.

Una spnta per tutto il comparto

"Sono particolarmente soddisfatto di questo risultato - ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina - La visibilità dell'Unesco e delle sue città creative aiuterà non solo Parma ma tutto l'agroalimentare italiano per contrastare anche quei fenomeni di Italian sounding che fanno delle nostre produzioni tipiche le più imitate al mondo. L'Unesco ha riconosciuto che il cibo non è solo un prodotto commerciale ma il simbolo di una comunità, il risultato di un processo identitario che dimostra la nostra creatività, anche in questo campo. Nessuno potrà replicare la capacità di chi il cibo lo produce e lo rende unico al mondo".

Per saperne di più

Il portale Parma City of Gastronomy

Azioni sul documento
Pubblicato il 11/12/2015 — ultima modifica 11/12/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali